CONFEDERAZIONE GENERALE ITALIANA DEL LAVORO - CALABRIA
Preoccupati per la gestione della fase dell’emergenza Covid19

Lunedì 20 Aprile 2020
Cgil Calabria

L’Epidemia Covid19 oltre all’attuale emergenza sanitaria,  provocherà gravi conseguenze sociali, economiche e produttive, a questa considerazione si aggiunge la preoccupazione per la lentezza delle procedure e conseguenti liquidazioni delle misure di  integrazione salariale e cioè degli ammortizzatori sociali in favore dei lavoratori che nel frattempo sono rimasti sospesi dall’attività lavorativa,  quindi senza  reddito e sprovvisti di quanto necessario per la sopravvivenza delle loro famiglie.

Questa è una fase che merita di essere affrontata con concretezza e tempestività nelle azioni,in Calabria registriamo una sottovalutazione del governo regionale, a partire dai ritardi nella gestione dalle competenze assegnate alla Regione per l’ autorizzazione alle aziende , aventi diritto e che hanno fatto richiesta di Cassa Intregrazione in Deroga e della  coseguente liquidazione INPS da erogare direttamente ai lavoratori.

Nonostante lo sforzo che sta producendo il Dipartimento Regionale del Lavoro, la Giunta Regionale e l’Assessore al ramo, non si sono resi conto della grave emergenza in atto e sono rimasti silenti rispetto ad una precisa responsabilità politica che è quella di non aver determinato  scelte per l’ accelerazione delle procedure che hanno caratteristica di urgenza sociale, dovendo garantire la sussistenza di lavoratori e dei rispettivi nuclei familiari.

Ad oggi rispetto alle oltre 14.000 domande pervenute dalle aziende si è provveduto alla decretazione di poco più del 10% delle stesse, a distanza    di 15 giorni dall’apertura delle stesse procedure e con l’amara considerazione che non è stata, al momento, erogata alcuna liquidazione a cura dell’INPS.

Quanto rappresentato vale come rivendicazione sindacale ma  è innanzitutto un grido di allarme sociale  che ci preoccupa e dovrebbe essere anche l’assillo dell’intero governo  regionale che, tra l’altro, su queste specifiche misure, non ha aggiunto alcuna propria risorsa ed è chiamata a rispondere solo della gestione delle risorse impegnate dal Governo nazionale, così come previsto dal D.L. N.18 e dai successivi provvedimenti.

Nel frattempo esprimiamo oltremodo la nostra preoccupazione, sulla gestione della fase dell’emergenza e come nell’attuazione della D.G.R. N.43, partendo dalla  giusta  previsione per la  erogazione di prestazioni una tantum in favore dei cosiddetti tirocinanti,  sono stati dimenticati nell’ammissione a tali benefici una serie di altri precari, della Regione Calabria, come ad esempio quelli della L.R. N.12, che, ad oggi, attendono di poter far valere il proprio diritto alla contrattualizzazione e/o stabilizzazione ed al momento, gran parte degli stessi, risultano privi di

ogni mezzo di sostentamento.

Catanzaro, 20 Aprile 2020                     P. La Segreteria Regionale

                                                                    Luigi Veraldi   

 

Altre notizie
SOCIAL


TESSERAMENTO
Clicca qui
DA NON PERDERE