Roshe Run Scarpe, Nike Air Max 90 Scarpe, Air Jordan Scarpe

mercoledý 17 maggio 2017 - Nidil Calabria
Precari: basta con i ritardi. La Regione mantenga gli impegni sottoscritti o sarÓ mobilitazione.

La vertenza relativa al precariato pubblico storico è certamente  complessa e difficile, raggiungere un accordo che provi a dare soluzioni ai diversi bacini (legge 1, legge 40, ex art 7, legge 15,  Lsu e Lpu) sembrava una chimera, ma l'impegno e l'azione unitaria di Nidil Cgil, Felsa Cisl e Uiltemp@ UIL  hanno premesso che si raggiungessero risultati importanti.

Eppure spesso assistiamo ad accordi firmati che restano sulla carta o che impiegano troppo tempo a trasformarsi in atti ammnistrativi da parte della Regione e dell'Assessorato al Lavoro.

Sui precari della Legge regionale  40,  è  stato trovato un accordo importante che ha permesso di dare soluzione ad una situazione che si trascinava da anni,  eppure siamo ancora   in attesa della firma e della  pubblicazione  del decreto di avvio dei lavoratori e non vorremmo che i ritardi derivassero da problemi sulla copertura finanziaria, che è  sempre  propedeutica alla approvazione di ogni legge che preveda un impegno di spesa, e che farebbero assumere  a questa vertenza i contorni di una farsa inaccettabile. 

Il disciplinare di utilizzo  (Carta dei Diritti) dei lavoratori della Legge 15 firmato dalle Organizzazioni  sindacali e dall’Assessorato a Luglio dello scorso anno, per una serie di incomprensibili e strumentali  rilievi e diverse versioni di bozze, giace sul tavolo dell'Assessore Regionale al Lavoro  da quasi un anno, e sulla operazione di omogeneizzazione oraria  con gli altri bacini di precariato, l'incertezza che regna non lascia presagire nulla di buono . Sui lavoratori ex art.7 , in carico a Calabria Lavoro, restano aperte le problematiche sulla sospensione  operata per alcuni di loro, che rischia  di sottrarre quote salariali, e di costringere i lavoratori a  serrate articolazioni orarie giornaliere  necessarie per recuperare le ore che i lavoratori, tutti con contratto part time, non hanno potuto svolgere per cause non imputabili alla loro volontà.

Occorre che il Presidente, per le prerogative di sua competenza, si faccia carico di dare un indispensabile impulso alla azione amministrativa della Giunta sulle vertenze in atto che riguardano il precariato. È necessario imprimere una decisa e risolutiva  accelerazione rispetto ai decreti e agli atti in attesa di pubblicazione.

Anche i migliori accordi se disattesi si trasformano in pessimi biglietti da visita.

E non era certo con queste intenzioni che si era presentata questo Presidente e la sua Giunta. Abbiamo guardato, insieme a i lavoratori,  ai precari, ai disoccupati  ed ai giovani con fiducia e speranza e ci aspettavamo un cambio di passo ed una azione politica ed amministrativa che guardasse alle fasce più  deboli ed esposte alla crisi, siamo rimasti finora però  delusi.

Le inefficienze dell’apparato politico regionale pesano sulle spalle di quanti attendono soluzioni che tardano ad arrivare. Mentre si resta sempre in attesa di un Piano per il Lavoro vero, serio che vada oltre gli annunci e le buone intenzioni. Fatto di investimenti e di incentivi alla occupazione stabile e dignitosa.

Sulla questione LSU-LPU, consapevoli che la Legge Madia, nella versione circolata, non da soluzione alle legittime aspettative di stabilizzazione, stiamo lavorando con impegno  e determinazione, ad ogni livello istituzionale, in sinergia  con la deputazione parlamentare calabrese del PD per far inserire la specificità e l'unicità  calabrese derivante dalla legge 147 / 2013.

Alla “Riforma Madia” dovrebbe essere aggiunto, con ogni probabilità all’art.20, un comma che contenga e renda organiche  le  necessarie ed indispensabili deroghe contenute nell’ art.1 comma 207 della legge 147 del 2013 che ha avviato, attraverso la contrattualizzazione, il percorso di stabilizzazione degli LSU-LPU calabresi.

II percorso di stabilizzazione, che varrà ovviamente per tutte le regioni, potrebbe partire proprio dal modello calabrese, basandosi quindi sulla compartecipazione di fondi ministeriali e regionali.

Seguiamo con attenzione il percorso legislativo ed amministrativo che le istituzioni interessate: Governo e Regione debbono mettere in atto.

Pronti, nel momento in cui le istituzioni dovessero mostrarsi sorde alle istanze del Sindacato e dei lavoratori LSU e LPU calabresi, a mettere in campo con determinazione ogni forma di iniziativa di lotta e di mobilitazione.

 

 

 

Nidil CGIL   FeLSA CISL   UilTemp@

Cimino           Barletta         Petrassi



lunedý 3 ottobre 2016 - Nidil Calabria
LSU LPU: REGIONE E DEPUTAZIONE PARLAMENTARE CALABRESE CHIEDANO CONFORZA AL GOVERNO DI GARANTIRE ANCHE PER IL 2017 IL FINANZIAMENTO MINISTERIALE.
venerdý 30 settembre 2016 - Nidil Calabria
Precari ex art.7 Vibo Valentia la Regione convochi le organizzazioni Sindacali e dia garanzie di continuitÓ dei contratti.
martedý 9 giugno 2015 - Nidil Calabria
Verso la conferenza di organizzazione della CGIL. A Lamezia, il prossimo 11 giugno, Nidil ed Slc della Calabria si confrontano.
Nuove forme di lavoro e tipologie contrattuali. La contrattazione inclusiva la risposta della CGIL al dilagare della precarietÓ.
venerdý 12 settembre 2014 - Nidil Calabria
LSU LPU: INACETTABILI RITARDI DA REGIONE E GOVERNO
giovedý 11 settembre 2014 - Nidil Calabria
LSU LPU: INACETTABILI RITARDI DA PARTE DELLA REGIONE E DEL GOVERNO
lunedý 14 luglio 2014 - Nidil Calabria
LSU LPU: BASTA RINVII ED INCERTEZZE OCCORONO GARANZIE DA PARTE DELLA REGIONE .
AUTOCONVOCAZIONE DI SINDACATI E LAVORATORI A CATANZARO IL 18 LUGLIO
venerdý 27 giugno 2014 - Nidil Calabria
Illusioni, contrapposizioni fra poveri, strumentalizzazione dei bisogni: la vecchia e brutta politica calabrese!
martedý 3 dicembre 2013 - Nidil Calabria
Lsu e lpu, ex art. 7 e legge 15: presidieranno nella giornata di mercoledi 4 dicembre le prefetture di Reggio, Cosenza e Vibo
giovedý 31 ottobre 2013 - Nidil Calabria
LSU LPU SCIOPERO E BLOCCO SERVIZI
ALTISSIMA L''ADESIONE ALLO SCIOPERO IN TUTTA LA CALABRIA
martedý 29 ottobre 2013 - Nidil Calabria
Mercoledi 30 Ottobre 2013 mobilitazione regionale ad oltranza
martedý 1 ottobre 2013 - Nidil Calabria
LSU LPU: BASTA RINVII OCCORRONO CERTEZZE DALLA REGIONE
venerdý 15 marzo 2013 - Nidil Calabria
Agitazione e preoccupazione per gli oltre 5200 lavoratori socialmente utili e di pubblica utilitÓ della Calabria
venerdý 7 dicembre 2012 - Nidil Calabria
ATTIVO LSU LPU DEI COMUNI DELLE PROVINCE DI CATANZARO E DI CROTONE
LSU LPU:LA CGIL VIGILEREMO SUGLI IMPEGNI ASSUNTI DALLA REGIONE SUI PAGAMENTI
mercoledý 6 giugno 2012 - Nidil Calabria
Sciopero Regionale unitario di LSU e LPU
giovedý 24 maggio 2012 - Nidil Calabria
LSU-LPU: STRAORDINARIA ADESIONE DEI LAVORATORI ALLO SCIOPERO. ORA TOCCA A REGIONE E GOVERNO DARE RISPOSTE
PRESIDI DAVANTI AI COMUNI, MANIFESTAZIONI PUBBLICHE NELLE SALE CONSILIARI E NELLE PIAZZE
mercoledý 23 maggio 2012 - Nidil Calabria
24 MAGGIO 2012 SCIOPERO REGIONALE LSU LPU CON PRESIDI NEI COMUNI E NEGLI ENTI UTILIZZATORI
Ripresa la mobilitazione unitaria di LSU e LPU Calabresi
mercoledý 9 maggio 2012 - Nidil Calabria
Conferenza stampa per illustrare la ripresa delle iniziative unitarie di mobilitazione dei lavoratori socialmente utili e di pubblica utilitÓ LSU- LPU.
martedý 14 febbraio 2012 - Nidil Calabria
ARRIVANO DOPO OLTRE TRE MESI DALLA FIRMA DEL VERBALE FRA SINDACATI E SCOPELLITI I PAGAMENTI A LSU E LPU.
NESSUNA SORPRESA: E'' SEMPRE LA SOLITA REGIONE. FRA INEFFICIENZE AMMINISTRATIVE E RITARDI BUROCRATICI MANCANO ANCORA SUSSIDI E INTEGRAZIONI DI DICEMBRE 2011.
martedý 14 febbraio 2012 - Nidil Calabria
LSU LPU PAGAMENTO SUSSIDI
DECRETO 1226 del 6 FEBBRAIO 2012
mercoledý 1 febbraio 2012 - Nidil Calabria
LSU LPU:BASTA ALIBI DA PARTE DELLA REGIONE CALABRIA
Occorre regolarizzare i pagamenti e contrattualizzare i lavoratori