CONFEDERAZIONE GENERALE ITALIANA DEL LAVORO - CALABRIA
Verso la conferenza di organizzazione della CGIL. A Lamezia, il prossimo 11 giugno, Nidil ed Slc della Calabria si confrontano.

Nuove forme di lavoro e tipologie contrattuali. La contrattazione inclusiva la risposta della CGIL al dilagare della precarietà.

Martedì 09 Giugno 2015
Cgil Calabria
In vista della Conferenza di Organizzazione della CGIL che a brevissimo interesserà tutti i territori provinciali d'Italia, in attesa di quella Nazionale che si svolgerà il prossimo Settembre, Nidil Cgil ed Slc Cgil della Calabria si confronteranno sul tema del Jobs Act, delle nuove identità di lavoro e delle nuove tipologie contrattuali. Il 2015 è stato caratterizzato da una serie di avvenimenti non tutti positivi, anzi, alcuni straordinariamente negativi come il Jobs Act e la riforma del mercato del lavoro in salsa renziana. La Conferenza di organizzazione parte dall'idea di come la CGIL contratta oggi, confrontandosi su quale idea di contrattazione serve nel contesto socio-economico attuale, per poi declinare altri temi come la democrazia, il territorio e la formazione sindacale. La Cgil ha deciso di partire da quei provvedimenti del governo che hanno, a nostro modo di vedere, aumentato il tasso di precarizzazione del lavoro, puntando attraverso la contrattazione inclusiva a dare risposte a tutte quelle nuove identità di lavoro che convivono con la precarietà contrattuale. L'occasione di confronto sugli effetti dirompenti del Jobs Act sul mercato del lavoro, con particolare attenzione alle tipologie contrattuali precarie, saranno affrontate da due categorie della CGIL particolarmente sensibili al tema della precarietà. Nidil per eccellenza rappresenta la categoria della CGIL che si occupa delle nuove identità di lavoro e che da anni opera per dare rappresentanza alle istanze dei lavoratori dalle variegate e precarie tipologie contrattuali in un mercato del lavoro in cui oramai oltre il 50% dei nuovi contratti attivati è per definizione atipico. La federazione della SLC rappresenta invece i lavoratori del settore della comunicazione, un settore in cui il precariato supera i caratteri dell'eccezionalità per diventare regola. Dal settore della produzione culturale dove la stagionalità è caratterizzante, o quello della stampa e dell'editoria, fino ad arrivare al mondo dei call center in outsourcing. Si confronteranno sul tema oltre a delegati e quadri sindacali dei settori rappresentati dalle due categorie, esponenti del mondo datoriale e giuslavoristi. A concludere i lavori ci sarà Claudio Treves Segretario Generale Nazionale di Nidil Cgil, che vanta nel suo curriculum una grande esperienza nella contrattazione e nel mercato del lavoro. Nidil Cgil Calabria Slc Cgil Calabria
Altre notizie
SOCIAL


TESSERAMENTO
Clicca qui
DA NON PERDERE