CONFEDERAZIONE GENERALE ITALIANA DEL LAVORO - CALABRIA
LSU LPU SCIOPERO E BLOCCO SERVIZI

ALTISSIMA L'ADESIONE ALLO SCIOPERO IN TUTTA LA CALABRIA

Giovedì 31 Ottobre 2013
Cgil Calabria
LSU E LPU SCIOPERANO E RIVENDICANO GARANZIE SUI PAGAMENTI E RIPRESA DEL PERCORSO DI STABILIZZAZIONE Straordinaria l'adesione degli oltre 5.000 lavoratori LSU e LPU, dei lavoratori ex art. 7 , e i precari dei bacini storici istituzionalizzati allo sciopero regionale ad oltranza proclamato unitariamente da NIDIL CGIL, FELSA CISL e UIL TEMP, con il relativo blocco dei servizi. Assistenza e accompagnamento di bambini e studenti nei servizi di scuola Bus, servizi di mensa e raccolta dei rifiuti sospesi in molte città, disservizi diffusi negli uffici, rappresentano la dimostrazione di come, anche per effetto dei pesanti tagli che hanno bloccato il turn-over dei dipendenti della Pubblica Amministrazione, questi lavoratori siano di fatto un pezzo fondamentale della pianta organica dei comuni. Moltissimi i comuni e le Comunità Montane dove la quasi totalità dei LSU e LPU si è astenuta dal lavoro, i più significativi: S. Giovanni in Fiore, Lamezia Terme, Pianopoli, Bocchigliero, Tiriolo, Casole Bruzio, Rossano, Spezzano, Longobucco, Campana, Cerisano, Roccella Ionica, Rogliano, Malito, le Comunità Montane del Pollino, Silana, dell'Unione delle Valli del Savuto. Nei Comuni di tutte le altre province calabresi, la percentuale di adesione media allo sciopero si è attestato intorno all'80%. Tanti i comuni dove i Sindaci hanno inteso partecipare attivamente allo sciopero intervenendo nelle assemblee tenutasi nelle sale consiliari, importante anche dal punto di vista simbolico le dichiarazioni di solidarietà rese dai sindaci di Cassano e Rossano, segnalazioni alle Prefetture di competenza a testimoniare l'effettivo blocco dei servizi ed il relativo disagio sono giunte da tutto il territorio Calabrese e specie dal Crotonese, dal Catanzarese e dal Cosentino dove il personale LSU e LPU è impiegato nei servizi di mensa negli istituti scolastici. Un'azione di mobilitazione, che i Segretari Generali delle categorie di CGIL CISL e UIL Antonio Cimino, Carlo Barletta e Gianvincenzo Petrassi annunciano proseguirà e si intensificherà nelle prossime settimane: Lunedi 4 novembre manifestazioni pubbliche si terranno a Cosenza nel piazzale antistante l'autostrada, a Villa San Giovanni nei pressi del porto ed a Vibo Valentia è previsto un sit-in presso la Prefettura. Mentre nelle province di Catanzaro e Crotone continueranno i presidi e le assemblee pubbliche presso i comuni e le sale consiliari interessando della vertenza le relative Prefetture. La mobilitazione si intensificherà fino al presidio dei lavori del Consiglio Regionale a Reggio Calabria, non basteranno le eventuali rassicurazioni di Assessore al Lavoro e Presidente della Regione ormai poco credibili nei loro annunci, contenuti in verbali debitamente sottoscritti, e puntualmente disattesi,. L'obiettivo infatti è l'immediata convocazione del Consiglio Regionale che dovrà approvare la variazione di bilancio, necessaria a garantire la copertura di sussidi ed integrazioni per tutto il 2013. Ma occorre che venga finalmente riconosciuta la storicizzazione della spesa ormai ultra quindicennale ed il relativo inserimento del capitolo di spesa nel bilancio preventivo, e ripreso il processo di stabilizzazione dando seguito al tavolo governativo, faticosamente conquistato attraverso la mobilitazione dei mesi scorsi di LSU e LPU. Catanzaro 30 Ottobre 2013 Antonio Cimino Segretario Generale NIDIL CGIL CALABRIA Carlo Barletta Segretario Generale FELSA CISL CALABRIA Gianvincenzo Benito Petrassi Segretario Generale UIL TEMP CALABRIA
Altre notizie
SOCIAL


TESSERAMENTO
Clicca qui
DA NON PERDERE